Venerdì 22 maggio alle ore 17 sempre nella splendida Aula Magna del Liceo Scientifico Corbino in via Diaz si terrà l’ultimo incontro di Siracusa Resiliente.

Relatore sarà Leonardo Becchetti professore ordinario di Economia Politica nell’Università di Roma Tor Vergata. Il prof. Becchetti è stato anche dal 2005 al 2014 Presidente del Comitato etico di Banca Popolare Etica.  Trascrivo un brano tratto dal suo ultimo libro “Wikieconomia: manifesto dell’economia civile” (ed. Il Mulino): “E i colossi finanziari troppo grossi per fallire e troppo complessi per essere regolati, la fanno da padrone in una finanza ipertrofica come “battelli ebbri” che hanno rotto gli argini e i freni di regolatori deboli e collusi e si danno il nome di Banca, ma operano come gigantesche bische dove prevale il trading ad alta frequenza e l’uso di derivati per finalità puramente speculativa” Da qui proposte concrete come il “voto con il portafoglio” che ridà a noi cittadini un potere concreto per fronteggiare ed opporsi a questa situazione.

La discussione come consuetudine sarà animata da due esponenti della vita politica e sociale della città, in questo caso abbiamo scelto Sofia Amoddio parlamentare alla Camera dei deputati e Santi Pane Direttore di Banca ed ex assessore al Bilancio al Comune di Siracusa. Come esperienza della realtà del territorio parlerà invece il Comitato locale di Banca Etica che è presente da anni a Siracusa con un banchiere volante.

Il prof. Becchetti chiude il primo ciclo dei nostri seminari che hanno fatto aumentare la consapevolezza e la conoscenza su tematiche di cui si parla troppo poco. Abbiamo iniziato con Marco Bersani che ci ha fatto riflettere sulla trappola del debito e sulle politiche privatistiche che stanno svendendo il nostro patrimonio pubblico; abbiamo continuato con Maurizio Pallante ideatore della decrescita felice e che ci ha proposto un radicale cambio di modello di vita personale e collettivo verso la produzione solo di beni e non di merci; infine Tonino Perna che ci ha fatto una lezione sul significato sociale del denaro e sulla necessità di riscoprire questo valore anche con la creazione di monete locali complementari.

Con i contenuti emersi da questi seminari stiamo arricchendo il documento base e continueremo a fare proposte concrete a vari livelli ( individuale, politico amministrativo e politico nazionale ) per avviare quel cambio di mentalità dei singoli cittadini e della politica che possa permettere la progressiva creazione di una economia diversa per una società più giusta.

Vi aspettiamo.

Il portavoce di Siracusa resiliente

Tati Sgarlata

 

 

--