• Il Potere e la Scienza. Il caso Orso Maria Corbino

    Quando Enrico Fermi prese il premio Nobel con una motivazione errata per la fretta dell’amico che voleva utilizzare la sua scoperta a fini politici

  • La Civetta di Minerva: in edicola il nuovo numero di sabato 18 Maggio 2019

    Caro lettore,

    Il quindicinale La Civetta di Minerva è impegnato nella difesa dell’ambiente e del territorio, dei diritti civili, della legalità, dello sviluppo economico ecosostenibile, di una società inclusiva e solidale.

    Editore del giornale è l’Associazione Culturale Minerva autofinanziata dai giornalisti e da alcuni soci, tutti insieme impegnati a sostenere una sfida coraggiosa e difficilissima, soprattutto in una provincia come la nostra dove è difficile poter affermare le proprie idee senza alcun timore, a dare la parola a chi non ce l’ha e pubblicare inchieste e notizie che non si trovano sui giornali di maggiore diffusione.

    Oggi il giornale si trova in grave crisi economica e l’autosostentamento tra soci e giornalisti non basta più. Ritorniamo in edicola, dopo la pausa estiva, ma non sappiamo garantire per quanto tempo ancora. Chiediamo, pertanto, a quanti apprezzano il nostro modo di fare informazione di aiutarci. L’appello è rivolto sia alle Associazioni ai Movimenti di impegno sociale e civile (ai quali ci offriamo come loro voce e sicuro alleato) sia alle singole individualità che apprezzano il nostro lavoro e ci trovano in edicola. A tutti chiediamo di sottoscrivere un abbonamento annuale (Sostenitore, di almeno 50 euro oppure Ordinario di 25 euro). In cambio promettiamo il nostro rinnovato impegno di cronisti scrupolosi e intellettualmente onesti e l’attenzione verso le loro istanze insieme al piccolo privilegio di poter ricevere il giornale per posta, direttamente a casa, invece di ritirarlo in edicola. Ci rivolgiamo inoltre agli operatori economici, a chi gestisce un’attività commerciale: siamo disponibili ad offrire spazi pubblicitari e redazionali a prezzi veramente contenuti.

    Per sottoscrivere materialmente l’abbonamento si può effettuare direttamente un bonifico ad Associazione Culturale Minerva UGF Banca, Viale Teracati 304 SR   IBAN IT 37 O 03127 17100 000000000726; oppure contattandoci direttamente: cell. 3337179937 - 3331469405.

    Leggete La Civetta, diffondetela, acquistatela in edicola o sostenetela con un abbonamento da regalare agli amici o sponsorizzando la vs. attività commerciale.

    Grazie per l’attenzione. Con i più cordiali saluti.

    Franco Oddo

    Marina De Michele

    Tutta la Redazione

  • A Nuoro il capo della DIA che inferse durissimi colpi alla mafia siracusana

    Nella nostra provincia sue pietre miliari le operazioni Bronx, Tonnara, Prato Verde e Crapula. Renato Panvino, 50 anni, raggiunge la Sardegna da vicequestore vicario

  • Contributi alla ricerca archeologica subacquea in Ortigia

    Lavori fognari permisero alla Soprintendenza di intercettare basamenti di antichi arsenali fuori dal porto piccolo

  • STATALE 115 - LE RAGIONI DELLA CITTA’ DI ROSOLINI

    Il “vecchio” progettista del PRG interviene sul caso dell’area di servizio sulla Provinciale per Pachino

  • “Col decreto Salvini deportazione dei migranti con liste alle mani”

    Simona Cascio (sportello per i diritti, Arci): “Scene di disperazione ma tutto ciò che possiamo fare è offrire loro ospitalità per aiutarli e accompagnarli in questo delicato momento”

  • Troppa insulina, indagine poliziesca sui medici che la prescrivono

    Da un raffronto con le dosi consumate in altre regioni, sembra che i siciliani se ne iniettino molto più. Introdotti piani di monitoraggio) per definire i dettagli di questo “iperconsumo

  • Europee, la fase dell’innamoramento è durata assai poco

    La Sinistra UE può rilanciarsi aggiornando radicalmente il suo orizzonte ideale e programmatico

  • Primo maggio a Rosolini, per la prima volta non alla Cava Santa

    L’alluvione di ottobre scorso ha irrimediabilmente compromesso la fruizione del suggestivo luogo. Il mito del bove inginocchiato

  • A giorni la nomina del garante comunale per i reclusi

    Dovrebbe essere il dr Giovanni Villari, con dieci anni di volontariato nelle carceri della provincia. Va dato merito alla giunta di aver previsto l'istituzione della figura, assente in altri comuni siciliani

News

Il Potere e la Scienza. Il caso Orso Maria Corbino

Attualità
ENZO MONICA
Giovedì, 16 Maggio 2019 12:35
Quando Enrico Fermi prese il premio Nobel con una motivazione errata per la fretta dell’amico che voleva utilizzare la sua scoperta a fini politici
leggi tutto

La Civetta di Minerva: in edicola il nuovo numero di sabato 18 Maggio 2019

Attualità
REDAZIONE CIVETTA
Sabato, 18 Maggio 2019 07:32
Caro lettore, Il quindicinale La Civetta di Minerva è impegnato nella difesa dell’ambiente e del territorio, dei diritti civili, della legalità, dello sviluppo economico ecosostenibile, di una società inclusiva e solidale. Editore del giornale è l’Associazione Culturale Minerva autofinanziata dai giornalisti e da alcuni soci, tutti insieme impegnati a sostenere una sfida coraggiosa e difficilissima, soprattutto in una provincia come la nostra dove è difficile poter affermare le proprie idee senza alcun timore, a dare la parola a chi non ce l’ha e pubblicare inchieste e notizie che non si trovano sui giornali di maggiore diffusione. Oggi il giornale si trova in grave crisi economica e l’autosostentamento tra soci e giornalisti non basta più. Ritorniamo in edicola, dopo la pausa estiva, ma non sappiamo garantire per quanto tempo ancora. Chiediamo, pertanto, a quanti apprezzano il nostro modo di fare informazione di aiut
leggi tutto

A Nuoro il capo della DIA che inferse durissimi colpi alla mafia siracusana

Attualità
GIANFRANCO PENSAVALLI
Giovedì, 16 Maggio 2019 15:31
Nella nostra provincia sue pietre miliari le operazioni Bronx, Tonnara, Prato Verde e Crapula. Renato Panvino, 50 anni, raggiunge la Sardegna da vicequestore vicario
leggi tutto

Contributi alla ricerca archeologica subacquea in Ortigia

Attualità
VINCENZO BONGIOVANNI
Giovedì, 16 Maggio 2019 15:23
Lavori fognari permisero alla Soprintendenza di intercettare basamenti di antichi arsenali fuori dal porto piccolo
leggi tutto

STATALE 115 - LE RAGIONI DELLA CITTA’ DI ROSOLINI

Provincia
VINCENZO ARANCIO
Mercoledì, 15 Maggio 2019 11:21
Il “vecchio” progettista del PRG interviene sul caso dell’area di servizio sulla Provinciale per Pachino
leggi tutto

Troppa insulina, indagine poliziesca sui medici che la prescrivono

Sanità
DINO ARTALE
Mercoledì, 15 Maggio 2019 11:13
Da un raffronto con le dosi consumate in altre regioni, sembra che i siciliani se ne iniettino molto più. Introdotti piani di monitoraggio) per definire i dettagli di questo “iperconsumo”
leggi tutto

Europee, la fase dell’innamoramento è durata assai poco

Attualità
EZIO GUGLIELMO
Mercoledì, 15 Maggio 2019 10:51
La Sinistra UE può rilanciarsi aggiornando radicalmente il suo orizzonte ideale e programmatico
leggi tutto

Primo maggio a Rosolini, per la prima volta non alla Cava Santa

Provincia
GIOVANNA ALECCI
Mercoledì, 15 Maggio 2019 10:45
L’alluvione di ottobre scorso ha irrimediabilmente compromesso la fruizione del suggestivo luogo. Il mito del bove inginocchiato
leggi tutto

Nel cimitero di Siracusa lapidi frantumate e c’è chi se la ride…”

Siracusa
FRANCESCO MAGNANO
Mercoledì, 15 Maggio 2019 10:34
Dopo lo scandalo dello svuotamento di loculi che venivano venduti all’insaputa dei proprietari, un’altra vicenda che inquieta
leggi tutto

Unionports alla Civetta: “Forzata l’analisi sul nostro comunicato”

Attualità
FRANCO ODDO
Martedì, 14 Maggio 2019 19:39
“Noi siamo per la difesa dell’ambiente”, “Liberi di fare tutte le interpretazioni, salvando però la verità e i significati in lingua italiana”
leggi tutto

Home

Il sogno di Ivan con dentro industriali, petroli, pontili e persino Zorro

 

La Civetta di Minerva, 29 aprile 2016

In anni passati, lontani e - visti i tempi attuali - non sospetti, il vice presidente nazionale di Confindustria Ivan Lo Bello era già la testa più lucida della Sicilia sud orientale. Una capoccia brillante sia di giorno che di notte, che nel giro di qualche anno lo avrebbe fatto emergere anche nel resto della regione, piccole isole comprese, indi proiettandolo a sgriccio oltre lo stretto nel resto d’Italia, incluse le province autonome di Trento e Bolzano.

C’è da dire che ad alimentarne l’ingegno, oltre al quantitativo tutto sommato normale di sale nella zucca, era stata sin dalla più tenera età una dieta altamente fosforica basata sul consumo quotidiano di biscotti prodotti dall’azienda di famiglia, ma di una linea speciale e fuori commercio ideata esclusivamente per lui: i BiscottIvan Fosfovit, poi sostituiti in età adulta dai classici tarallucci e vino.

Spianata la strada del successo, delle consulenze professionali, delle poltrone a go gò nei consigli d’amministrazione, ecc. ecc. circa una decina di anni fa, eletto presidente di Confindustria Sicilia, una notte Ivan Lo Bello fece un sogno. E nel sogno vide se stesso, personalmente in persona guidare la rivolta morale dell’associazione siciliana degli industriali contro il racket delle estorsioni, con tanto di codice etico e un calcio nel culo a chi non ci stava, sbattuto fuori da Confindustria.

Si svegliò sudato. Eppure aveva digerito bene, non aveva bevuto alcolici né sniffato alcunché, a parte i fumi puzzolenti passando con la macchina davanti alle raffinerie dell’area industriale siracusana. Cazzarola! Era tutto vero. Era diventato un simbolo della lotta alla mafia e l’associazione che guidava in Sicilia un esempio per il resto di Confindustria.

Circa 10 anni dopo Ivan Lo Bello fece un sogno. E nel sogno vide un po’ dei confindustriali siciliani “antiracket”, dei sostenitori della sua “svolta rivoluzionaria”, presi con le mani nella marmellata, denunciati, qualcuno già processato e condannato per vicende degne di pagghiazzi traffichini e sautafossi; quando non imputati per reati contigui alla mafia, come il suo successore alla presidenza di Confindustria Sicilia Antonello Montante, l’amico Montante che da Confindustria nazionale aveva ricevuto la delega di responsabile per la legalità grazie ai meriti acquisiti sul campo.

Nel sogno spuntò pure Gianluca Gemelli (u zitu forse ex della ministra Federica Guidi) con la sua apparente facci ri fissa, imprenditore, presunto ingegnere, amico di Montante, di Lo Bello e quindi di diritto pure lui paladino della legalità, commissario da poco dimissionario di Confindustria Siracusa dove aveva sostituito il messinese Ivo Blandina rinviato a giudizio per una storia di utilizzo di fondi pubblici per l’acquisto di uno yacht di lusso da parte di due imprenditori. Blandina era stato a sua volta commissario al posto dell’ex presidente Francesco Siracusano dichiarato decaduto dai probiviri ecc. ecc. Tutto questo e altro ancora nella sede di Siracusa, dove anche Lo Bello era stato presidente e dove aveva piantato i primi semi della legalità e della rivoluzione.

Il sogno continuò con Ivanhoe (che è quel personaggio di un romanzo ambientato nell’Inghilterra medievale, amico di Riccardo Cuor di Leone e di Robin Hood, ma in questo caso è il nome completo di Ivan) finito con tutti i piedi e il resto di se stesso, compresa la testa fosforica e brillante, in uno scandalo-petroli che vedeva Augusta rubare la scena a Potenza, perché non solo sarausani ma pure austanisi sunu.

E in un ricco e assortito campionario d’intercettazioni telefoniche spuntarono aggregazioni di mutua-reciproca assistenza variamente definite clan, cricca, quartierino, combriccola, comitato d’affari; classici reati quali associazione a delinquere e corruzione ma anche la novità del reato di “traffico d’influenze illecite” scaturito da direttive europee e convenzioni internazionali; e poi petrolio, trivelle, cisterne, pontili, barili, stoccaggi, cordate societarie, terreni, concessioni, autorizzazioni, autorità portuali, commissari (rieccoli), ministri, segretari, capi di stato maggiore, ammiragli, ufficiali di marina, uomini o caporali e tanto altro ancora.

Così continuava a sognare il vice presidente di Confindustria, ancorché di tutto e di più, presidente nazionale di Unioncamere con vista. E nella cavalcata onirica ci fu posto anche per l’ex sottosegretario Gino Foti e per Cafeo (l’ex capo di gabinetto del sindaco Garozzo) che dei due non si capiva più chi era il badante dell’altro. Gemelli, il telefonista folle, si era raccomandato pure a loro – il ché è tutto dire – pur di raggiungere i suoi scopi.

Ma il gran finale fu… nel segno di Zorro! Nel senso che da diverse intercettazioni era venuto fuori che Gemelli e qualcun altro degli amici del cosiddetto “quartierino” accennavano a un tizio chiamandolo, chissà perché, con lo pseudonimo di Zorro. Che gli investigatori addetti alle intercettazioni avrebbero nientepopodimeno individuato nell’avvocato Piero Amara, altro augustano doc e autorevolissimo. Il quale, in un sogno del genere non poteva mancare, se pure solo di sfuggita, per una semplice citazione, una piccola apparizione: tipo quelle che nei film vengono definite “amichevoli partecipazioni”. Quel tanto per fare zigzag sul muro e lasciare il segno di Zorro.

Ivan Lo Bello non resistette più, si svegliò, madido di sudore. Il tempo di aprire bene gli occhi e si ricordò che era tutto maledettamente vero.

Un regalo di Vincenzo Vinciullo è per sempre

La Civetta di Minerva, 4 marzo 2016

 

2.000 (leggasi duemila) ex suoi alunni che si alternano e susseguono a festeggiare lauree, compleanni, cresime, matrimoni, battesimi ed ovviamente invitano lui, che giammai potrebbe sottrarsi dal partecipare a qualsivoglia scadenza, ricorrenza, festino, schitìcchio allestito dalle brigate di studenti che hanno avuto il piacere di averlo come professore. Senza contare – riteniamo – altri matrimoni e inviti di famigliari, amici e conoscenti vari a partecipare a quelle occasioni più disparate in cui non ci si può presentare senza portare un regalo. E non un ninnolo qualsiasi, perché Vinciullo lo sa: un regalo è per sempre.

“Spese di rappresentanza” – le ha definite – che incidono pesantemente sul suo stipendio di deputato alla Regione Sicilia, che è sì di 11.000 (leggasi undicimila) euro ma al lordo, perché al netto sono “solo” (solo?) 6.300 (leggasi seimila e trecento) euro, che tutto sommato sono sempre mègghiu ri ‘nfighitéddu i musca. Ma lui, Vincenzo Vinciullo, originario di Sinagra provincia di Messina e da lungo tempo residente a Siracusa, letteralmente chiànci miseria lamentando che il suo conto in banca è in rosso, che spesso campa alle spalle della moglie insegnante, che non vede mai i figli a differenza – testuale – di un operaio o di un disoccupato che, quando tornano a casa, i figli li vedono; sottinteso: quando l’operaio torna dal lavoro e il disoccupato torna dal non aver lavorato, possibilmente coi cabbasisi che girano a mille. Insomma era meglio quando faceva il professore – ha commentato amaro Vinciullo intervistato dallo spregiudicato Cruciani, conduttore della trasmissione radiofonica di Radio 24 “La Zanzara”. Presumibilmente gongolante nell’ascoltare la triste storia del povero deputato siciliano che insisteva nel rimarcare che lui, Vinciullo, non è – testuale - un normale dipendente che alla fine del mese prende 2.000 euro e non ha le spese che affronta lui. Cioè quelle della benzina necessaria per il suo andirivieni tra Siracusa e Palermo, le altre per l’affitto di un appartamentino nei giorni in cui si ferma a dormire nel capoluogo siciliano, i soldi per mangiare.

Costi che gli altri deputati non hanno evidentemente il coraggio di denunziare, e quindi va dato atto a Vinciullo di avere portato alla luce questa condizione di enorme ristrettezza economica che vivono i parlamentari siciliani fuori sede. Altro che la demagogia dei grillini che si sono ridotti lo stipendio! Di sicuro loro e gli altri furbastri di questo o quel partito che non si lamentano, vuoi vedere che non hanno problemi di spese per la benzina perché viaggiano col treno o, peggio ancora, a sbafo chiedendo passaggi? Ma se qualcuno ha chiesto uno strappo a Vinciullo, lui è troppo signore per raccontarlo.

E comunque, il suo caso personale è aggravato dai continui esborsi per l’acquisto di cadeau per i matrimoni e per tutto il resto di cui sopra. Quelle spese di rappresentanza che i comuni mortali - testuale - non hanno e che in Sicilia, dato che noi non siamo come nel resto d’Italia, sono retaggi antichi.

Ora, parafrasando il titolo di un film (per fare cosa gradita all’unico cinefilo-cinofilo che legge questa rubrica): non si uccidono così neanche i Vinciulli. E invece da diversi giorni è additato al pubblico ludibrio, preso per il culo sui social network alla stregua di un (vin) ciolla i picche qualsiasi. C’è da dire che prima dell’intervista a La Zanzara, Vinciullo aveva già esternato le proprie difficoltà a tirare avanti con la paghetta del parlamento siciliano durante una puntata della trasmissione Tagadà su La7. Tanto che la conduttrice Tiziana Panella, con encomiabile spirito caritatevole, aveva proposto per lui gli 80 euro mensili previsti dal governo Renzi per i meno abbienti. Subito si era scatenata la solita canea a base di insulti e commenti salaci, fra cui lo sfottò persino sulla prima pagina del Corriere della Sera dell’editorialista Aldo Grasso.

E Vinciullo che fa? Ribadisce a La Zanzara, aggiungendo particolari ancora più toccanti, il suo stato di precario della politica. Che uno potrebbe pensare “Ma chistu è proprio ‘n’ pacchiottu?” - se non conoscessimo il suo acume, la sua sagacia, il suo fiuto sopraffino di politico navigato che al momento lo vede tra i nuovi pilastri del Nuovo centro-destra guidato dal nuovo Angelino nuovo Alfano. Per non parlare della super produzione di atti parlamentari con uno stakanovismo dalle modalità certo un po’ stocastiche ma, si badi bene, non stocazz! come taluni potrebbero fraintendere.

Talé u Talete. Il parcheggio-ecomostro è quel che rimase del progetto del “tunnel sottomarino di Ortigia”

Talé u Talete. Il parcheggio-ecomostro è quel che rimase del progetto del “tunnel sottomarino di Ortigia”

Leggi tutto: Talé u Talete. Il parcheggio-ecomostro è quel che rimase del progetto del “tunnel sottomarino di Ortigia”

Una poltrona per 2 al quadrato

A colpi di ricorsi e sentenze le contese infinite tra Gennuso e Gianni e tra Sorbello e Bandiera. La disfida dei Pippi siracusani

Leggi tutto: Una poltrona per 2 al quadrato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Bar sotto il Mare

Bar sotto il mare, botta e risposta

Vinciullo-Maiorca
Domenica, 03 Giugno 2018 11:53

Le giravolte di Vinciullo e degli ex grillini Russo e Napolitano

CARMELO MAIORCA
Mercoledì, 09 Maggio 2018 12:38

5 Stelle: destra, sinistra e corona al centro

Carmelo Maiorca
Venerdì, 20 Aprile 2018 12:13

Cultura

A una scrittrice siracusana il Premio romanzo d’avventura a Bologna

CONCETTA LA LEGGIA
Sabato, 04 Maggio 2019 12:57

La Pasqua ebraica (Pèsach) e quella cristiana legate ai riti

MARIA LUCIA RICCIOLI
Sabato, 04 Maggio 2019 10:45

Dossier

Legge sull'acqua: in Commissione ok alla ripubblicizzazione

MARCO BERSANI
Giovedì, 21 Febbraio 2019 19:22

Sai 8 versò agli avv. Amara e Toscano quasi 3,3 milioni

MARINA DE MICHELE
Martedì, 22 Gennaio 2019 15:32

Processo Sai 8, col cerino in mano è rimasto solo l’AD Ferraglio

Marina De Michele
Domenica, 20 Gennaio 2019 08:26

Chi siamo

Continueremo a difendere l’ambiente, il multiculturalismo, il welfare, l’etica politica, a lottare contro ogni sfruttamento delle persone, delle città e dei territori, a sostenere la necessità di uno sviluppo economico coniugato con l’ecosostenibilità delle iniziative.

Privacy Policy Cookie Policy

Dove siamo


Viale Santa Panagia 136/H

Contattaci

Se ci vuoi supportare, chiamaci allo 3331469405 / 3337179937 o manda un'email a: redazione@lacivettapress.it / postmaster@pec.lacivettapress.it

Showcases

Background Image