AMBIENTE

Gli ecompattatori Garby (tappi di plastica, bottiglie in PET) passano di mano

  • Stampa

Gli ecompattatori Garby (tappi di plastica, bottiglie in PET) passano di mano

Dalla Sir Compact di Sulfaro alla Ecomac Smaltimenti di Aloschi. L’ex proprietario: “I costi assorbivano le entrate”; il nuovo: “Vogliamo aumentarne il numero, altri verranno installati nei prossimi mesi

Cambio di  gestione degli otto ecocompattatori Garby installati nel comune di Siracusa. Il servizio passa dalle mani della società SirCompact, gestita dal sig. Luca Sulfaro, alla società Ecomac Smaltimenti s.r.l., amministrata dal sig. Aloschi e che vede il dott. Montagno come responsabile  commerciale e il sig. Gianfranco Consiglio, responsabile dell’area tecnica.

Con un messaggio nella pagina Garby Siracusa di facebook datato 7 aprile, Luca Sulfaro avvisava  che “l’attivita’ del concessionario Garby di Siracusa è cessata” mentre con un altro messaggio datato 8 aprile si precisava che “l’attività sarà gestita dalla ditta ecomac smaltimenti srl”.

Nel passaggio vengono a cambiare le modalità di gestione degli ecocompattatori. Mentre Sircompact era il concessionario diretto di Garby, Ecomac Smaltimenti, acquistando da Sircompact gli ecocompattori, ne diventa a pieno titolo proprietario, senza avere più nessuna relazione con il concessionario Garby. Abbiamo cercato di comprendere meglio le motivazioni di questa cessione e le ripercussioni che essa può avere sul servizio. Per questo abbiamo sentito Luca Sulfaro e Gianfranco Consiglio.

Sig. Sulfaro, perché avete ceduto il servizio?

“La mia società, la Sircompact, si occupa principalmente di impianti in fibra ottica. Nonostante ciò avevo intrapreso questa avventura chiedendo a Garby, che è un marchio nazionale, la concessione ed acquistando gli ecocompattatori dalla RWS che li produce per conto di Garby. Da solo mi ero prima occupato della installazione, e poi della gestione degli otto ecocompattatori. Ben presto però mi sono reso conto che lo sforzo era esagerato rispetto al lavoro e al guadagno ed ho deciso di cedere la gestione”.

Quali erano i costi principali della sua attività?

“Principalmente i costi di noleggio del materiale, di deposito e di conferimento presso la piattaforma, gli oneri di pressatura. Costi che assorbivano le entrate della attività”

Attualmente dove sono allocati gli otto compattatori e come funziona il servizio?

“Gli ecocompattatori installati a Siracusa sono una sorta di contenitori in grado di compattare tappi di plastica, bottiglie in PET (o altri materiali plastici) riducendone il volume fino all’80. Attualmente gli otto ecocompattatori sono installati presso il supermercato Crai di via Salvo Randone, il supermercato Conad di Viale Epipoli, la ditta Cirasa in viale Teracati, il parrucchiere da Santino in via Mascalucia, il supermercato D’Italy in corso Umberto, presso All Service in viale Ermocrate, Romano ferramenta in viale Ermocrate ed, infine, ne abbiamo installato recentemente uno presso la scuola Costanzo in viale Santa Panagia. Il servizio funziona in maniera semplice. Depositando i contenitori di plastica si ricevono degli ecopunti che poi possono essere spesi, sotto forma di sconti, presso le imprese convenzionate”.

Ecomac Smaltimenti, l’azienda che ha ora in gestione gli ecocompattatori, è una società che si è costituita nel 2013 ed è autorizzata per il trasporto, lo stoccaggio, ed il recupero dei materiali differenziabili. Abbiamo sentito il sig. Gianfranco Consiglio, responsabile tecnico di Ecomac. “La nostra società è stata autorizzata nel 2014 sia per lo stoccaggio che per il recupero della frazione differenziabile dice -. Attualmente svolge, assieme alla società Ionica Ambiente di Floridia e per conto del comune di Siracusa, la raccolta di vetro, plastica, carta e cartone che vengono stoccati presso la piattaforma sita in contrada Pantanelli e poi conferiti ai rispettivi consorzi per il riciclo”.

Sig. Consiglio, perché avete acquisito la gestione degli ecocompattatori installati a Siracusa?

“La nostra gestione degli ecocompattatori risulterà a minori costi in quanto la piattaforma è di nostra proprietà e, quindi, vengono a saltare i costi di stoccaggio e deposito presso l’impianto. Inoltre, Ecomac Smaltimenti tratta un volume di plastica  notevole, derivante dalla raccolta dai cassonetti della differenziata del comune di Siracusa. Quindi, avendo volumi più grossi, sul mercato possiamo avere prezzi più vantaggiosi.”.

Quali sono stati i termini di acquisto della concessione dal sig. Sulfaro?

“Non possiamo scendere nel particolare sull’aspetto economico della transazione. Possiamo semplicemente dire che il programma di acquisizione è stato strutturato in questo modo: acquisto degli ecocompattatori, acquisto di un furgone per il trasporto della plastica e inserimento di una unità lavorativa, dipendente Ecomac Smaltimenti. Intendiamo inoltre aumentare il numero di ecocompattatori presenti a Siracusa e, sicuramente, altri verranno installati nei prossimi mesi. Il servizio non subirà nessuna interruzione e sta continuando come prima”.

Qual è l’iter autorizzativo che state seguendo per la transazione?

“In effetti, essendo una cessione tra privati non è necessario nessuna autorizzazione amministrativa. In ogni caso, noi abbiamo incontrato la settimana scorsa l’assessore all’ambiente, avv. Pierpaolo Coppa, la dirigente del settore, dott.ssa Garufi e l’esperta del comune, avv. Emma Schembari, per chiedere loro l’autorizzazione a poter conferire la plastica raccolta con gli ecocompattatori nella filiera di Corepla (il Consorzio nazionale per la raccolta e il recupero degli imballaggi in plastica), aggiungendola a quella raccolta direttamente dai cassonetti di differenziata presenti nel territorio comunale. In questo modo, si evita che la plastica degli ecocompattatori vada a finire nel mercato secondario e, quindi, si assicura una maggiore tracciabilità del materiale. L’assessore Coppa sta valutando la nostra richiesta e ci darà al più presto risposta”.

Quali sono le iniziative che state portando avanti?

“La nostra azienda opera, oltre a Siracusa, in altri comuni come Avola, Priolo, Noto, Floridia e Palazzolo e per sensibilizzare maggiormente i cittadini sui temi ambientali abbiamo avviato alcune campagne, quali “Il condominio si differenzia”, “Scuole al tappo” ed “Ecoshop”. Vogliamo essere con queste iniziative più presenti nel territorio”.