• Un selfie con Escobar

    Siracusa, 12 ottobre 2019

    Siccome Messina val bene un’udienza (e anche più!) il 25 settembre il qui presente rubrichista vi è andato in trasferta: destinazione il palazzo di giustizia per seguire, di persona personalmente, il controesame in calendario del tuttora avvocato Giuseppe Calafiore nel processo – davanti ai giudici della Seconda Sezione Penale del tribunale messinese - per il cosiddetto “Sistema Siracusa”, nel quale egli divide il ruolo di protagonista principale col tuttora (pure lui) avvocato Piero Amara. Tant’è che sarebbe cosa buona e giusta, per non fare torto ad alcuno, definire “Sistema Amara-Calafiore” il complesso delle attività corruttive oggetto di procedimenti penali, in base ai quali entrambi avrebbero avuto parte attiva di panza e di sostanza.

    Ma, rispetto alle sue precedenti deposizioni, poco e niente ha aggiunto il teste nelle risposte (infarcite di molti “non ricordo”) alle domande degli avvocati Davide Bruno per il Comune di Siracusa (costituitosi parte civile) e dei difensori di Giuseppe Mineo e Denis Verdini. Brevemente: personaggio politico noto a livello nazionale (fra l’altro ex esponente di Forza Italia e suocero mancato di Salvini), Verdini è coinvolto in uno dei filoni del processo perché Amara e Calafiore asseriscono di avergli versato circa 300 milioni per finanziare l’Ala, non di pollo o d’altro volatile, bensì l’Alleanza Liberalpopolare Autonomie fondata da Verdini e durata un paio d’anni fino alla sua naturale estinzione. In cambio del ciccioso contributo, Verdini avrebbe dovuto trovare i canali giusti per far nominare Giuseppe Mineo al Consiglio di Stato, il che non avvenne poiché venne fuori che sul suddetto pendevano procedimenti disciplinari. Mineo avrebbe altresì chiesto ad Amara e Calafiore soldi per aiutare nelle spese mediche l’ex presidente della Regione Giuseppe Drago gravemente malato (e poi deceduto nel 2016).

    La somma di 115.00 euro sarebbe stata versata attraverso un conto bancario riconducibile ad Alessandro Ferraro, uomo di fiducia di Amara e non solo. La presunta corruzione di Mineo, giudice del Consiglio di giustizia amministrativa della Sicilia, era finalizzata ad ottenere da tale organo giudiziario sentenze favorevoli alle società Open Land e A.M. Group della famiglia Frontino, nelle cause di ricorso presentate contro il Comune di Siracusa. Amara e Calafiore rappresentavano sia i Frontino che sé stessi. I risarcimenti stratosferici pretesi a danno del Comune, comprendevano infatti un’altissima percentuale che sarebbe dovuta finire nelle loro tasche. Sul progetto dell’A.M. Group riguardante la causa col Comune, l’avvocato Bruno ha depositato alcuni interessanti documenti spiegati nell’articolo di Marina de Michele.

    In tribunale Escobar – soprannome dal sapore latino scelto da Calafiore per se medesimo – è comparso compenetrato nel suo abituale personaggio: occhiali a specchio, basette lunghe, baffi folti, aria divertita chiacchierando in mezzo a un capannello di legali e conoscenti nel salone all’ingresso dell’aula. Facendosi persino un selfie con un avvocato durante una pausa dell’udienza. Ostentata e compiaciuta sicurezza, che Calafiore aveva già mostrato nella precedente udienza in cui era stato presente, lo scorso maggio. Del resto ridere fa bene all’umore e, secondo alcuni, migliorerebbe fra l’altro la propria autostima.

    Ma è pur vero che l’eccessiva fiducia verso sé stessi può provocare atteggiamenti di “spacchiosaggine” acuta e reazioni degli astanti del tipo “Ridi ridi che la mamma ha fatto gli gnocchi”. Bisogna però ricordare che, da quando è cominciata quest’avvincente avventura giudiziaria, Calafiore non ha sempre riso e sghignazzato. Almeno in un’occasione ha pianto: nel luglio del 2018 durante un altro controesame di avvocati e parti civili, allora davanti al Giudice delle indagini preliminari. Rispondendo alle domande riguardanti i rapporti con l’ex pubblico ministero di Siracusa Giancarlo Longo, Calafiore mentre raccontava delle volte in cui gli aveva consegnato soldi suoi e per conto di Amara – ossia corrompendolo - scoppiò in singhiozzi dicendo che era un suo amico. Insomma, un grande momento di commozione paragonabile – a detta di qualche malalingua presente – solo alle mitiche lacrime di coccodrillo. Longo sta scontando la condanna patteggiata di 5 anni di detenzione, più le dimissioni dalla magistratura con la cessione del suo Tfr (ossia i soldi della liquidazione a lui spettante) alle parti civili quale risarcimento, oltre all’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

    Per i due tuttora avvocati Calafiore e Amara, artefici e organizzatori di corruzioni in atti giudiziari e di reti di società finalizzate a frodare il fisco (uno dei filoni d’indagine della Procura di Roma) è da comprendere il computo dei patteggiamenti, aspettando l’esito degli altri processi in cui sono coinvolti.

  • INCHIESTA – In Ortigia, i furbetti di Casa Monteforte

    Provvidenziali segnalazioni impediscono la spoliazione del bene “pubblico”, ma ancora non si è fatta la necessaria chiarezza sul lascito testamentario

  • Il CPIA di Siracusa si sposta alla Borgata, nella sede C.I.A.O

    Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo

  • Processo all’avv. Calafiore, depositate le convenzioni urbanistiche di Epipoli

    L’avvocato del Comune, Davide Bruno, nel processo in corso a Messina, consegna i documenti. Ora l’assessore Fontana avvii le procedure necessarie per chiedere la nullità

  • Zone economiche speciali, avanti piano e con confusione

    In altre regioni già si attingono i fondi disponibili. Port Authority: “Speciosi i rilievi delle associazioni ambientaliste”. Avanti piano e con confusione

  • Arredo e Decoro Urbano, il Caos sembra l’unica vera regola

    Nel 2014 la Città si è dotata di un apposito Regolamento ma il Caos sembra l’unica vera regola. Banchetti, tavolini, spazzatura, cassonetti e panchine fatiscenti, bellezze ereditate e bruttezze consentite

  • Trivellazioni petrolifere in Val di Noto, no delle comunità

    Il permesso di ricerca denominato “fiume Tellaro” permette l’escavazione di tre pozzi. Forti proteste

  • Piazza Santa Lucia, rialziamo quelle serrande!

    Il quartiere ha tutto per esplodere, per elevarsi al netto della sua felice posizione geografica, ove – affacciato sul porto piccolo – pare che passi il testimone di una ideale staffetta a Ortigia

  • Sanità, le “eccellenze” siracusane che ci marginalizzano

    Il dubbio sta nel definire se ci sono o ci fanno. Abbiamo speso miliardi di euro di denaro pubblico per consentire al mondo dei furbi di vendere a prezzi astronomici la vitamina D dal costo infimo

  • Si difende dai passerotti facendoli spiaccicare su cartoni intrisi di colla

    Sarà pure suo diritto scegliere chi fare entrare e chi no nel suo bar? E, se si può sparare ad una persona che entra contro la propria volontà, pensa un po' cosa si può fare a quei fastidiosi topi con le ali!

News

INCHIESTA – In Ortigia, i furbetti di Casa Monteforte

Siracusa
MARINA DE MICHELE
Martedì, 22 Ottobre 2019 13:23
Provvidenziali segnalazioni impediscono la spoliazione del bene “pubblico”, ma ancora non si è fatta la necessaria chiarezza sul lascito testamentario
leggi tutto

Il CPIA di Siracusa si sposta alla Borgata, nella sede C.I.A.O

Attualità
SIMONETTA ARNONE
Martedì, 22 Ottobre 2019 13:15
Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo
leggi tutto

Processo all’avv. Calafiore, depositate le convenzioni urbanistiche di Epipoli

Siracusa
MARINA DE MICHELE
Martedì, 22 Ottobre 2019 13:10
L’avvocato del Comune, Davide Bruno, nel processo in corso a Messina, consegna i documenti. Ora l’assessore Fontana avvii le procedure necessarie per chiedere la nullità
leggi tutto

Zone economiche speciali, avanti piano e con confusione

Provincia
GIAMBATTISTA TOTIS
Martedì, 22 Ottobre 2019 13:02
In altre regioni già si attingono i fondi disponibili. Port Authority: “Speciosi i rilievi delle associazioni ambientaliste”. Avanti piano e con confusione
leggi tutto

Arredo e Decoro Urbano, il Caos sembra l’unica vera regola

Siracusa
ALDO CASTELLO
Lunedì, 21 Ottobre 2019 19:25
Nel 2014 la Città si è dotata di un apposito Regolamento ma il Caos sembra l’unica vera regola. Banchetti, tavolini, spazzatura, cassonetti e panchine fatiscenti, bellezze ereditate e bruttezze consentite
leggi tutto

Trivellazioni petrolifere in Val di Noto, no delle comunità

Ambiente
PAOLO PANTANO
Lunedì, 21 Ottobre 2019 09:26
Il permesso di ricerca denominato “fiume Tellaro” permette l’escavazione di tre pozzi. Forti proteste
leggi tutto

Piazza Santa Lucia, rialziamo quelle serrande!

Siracusa
DUCCIO DI STEFANO
Lunedì, 21 Ottobre 2019 09:20
Il quartiere ha tutto per esplodere, per elevarsi al netto della sua felice posizione geografica, ove – affacciato sul porto piccolo – pare che passi il testimone di una ideale staffetta a Ortigia
leggi tutto

Sanità, le “eccellenze” siracusane che ci marginalizzano

Sanità
DINO ARTALE
Lunedì, 21 Ottobre 2019 09:16
Il dubbio sta nel definire se ci sono o ci fanno. Abbiamo speso miliardi di euro di denaro pubblico per consentire al mondo dei furbi di vendere a prezzi astronomici la vitamina D dal costo infimo
leggi tutto

Si difende dai passerotti facendoli spiaccicare su cartoni intrisi di colla

Attualità
LORENA SPADA
Lunedì, 21 Ottobre 2019 09:12
Sarà pure suo diritto scegliere chi fare entrare e chi no nel suo bar? E, se si può sparare ad una persona che entra contro la propria volontà, pensa un po' cosa si può fare a quei fastidiosi topi con le ali!
leggi tutto

Processo a Carrubba e ad Augusta. Com’è potuto accadere?

Provincia
GIAMBATTISTA TOTIS
Lunedì, 21 Ottobre 2019 09:08
Attendiamo le motivazioni per capire se l’accusa di mafia obbedì agli interessi del “Sistema Amara”
leggi tutto

Home

Una poltrona per 2 al quadrato

A colpi di ricorsi e sentenze le contese infinite tra Gennuso e Gianni e tra Sorbello e Bandiera. La disfida dei Pippi siracusani

Leggi tutto: Una poltrona per 2 al quadrato

BAR SOTTO IL MARE

      

Simona Princiotta e la storia di Biancaneve e i sette cani

Leggi tutto: BAR SOTTO IL MARE

Né con Vecchioni né con Crocetta

Et voilà! Ecco che il professor cantautore Roberto Vecchioni, con la semplice ed essenziale frase “Sicilia sei un’isola di merda perché non ti ribelli”, è riuscito a scatenare un fondamentale dibattito di cui si sentiva davvero la necessità. Perché molti siciliani per fare i conti con se stessi, con la storia e le tante stridenti contraddizioni di questa terra e con un presente molto problematico, hanno evidentemente bisogno della rude spinta verbale del personaggio famoso di turno, in questo caso di passaggio da Palermo e sconvolto dalla visione di un così alto numero di conducenti di motocicli senza casco, e delle loro scorribande nel tentacolare traffico cittadino. Che è il problema principale di Palermo, come ebbe a rivelare il film Johnny Stecchino di e con Benigni.

“Siamo un’isola di merda sì, sì, sì, sì, di più, di più, di più” – hanno condiviso alcuni il Vecchioni-pensiero con godimento degno di seguaci di Von Masoch. Di contro l’indignazione dei molti cultori di sicilianità, violata dal Vecchioni medesimo che è stato insultato e bacchettato a più non posso per la sua colpevole ignoranza riguardo il primato storico-geografico-culturale-antropologico-scicchigno dei siciliani. Per non dire delle odi alla straripante bellezza della Sicilia, rimarcata con spirito promozional-turistico-naturistico, di persona personalmente, dal presidente della Regione fotografato sdraiato sulla spiaggia di Castel di Tusa in posa “Saro desnudo”, e immerso nelle prospicienti acque azzurre di quell’angolo di costa tirrenica messinese.

Con raro sprezzo del ridicolo il governatore Crocetta & Delizia ha difatti affermato che “La Sicilia è un’isola bellissima. La più bella del mondo”.

“Ma più bella di tutte” è “l’Isola Non-Trovata/quella che il Re di Spagna s’ebbe da suo cugino/il Re di Portogallo con firma sugellata/e bulla del Pontefice in gotico latino” - comincia una poesia di Guido Gozzano, che un bel po’ di decenni addietro ispirò, per la sua canzone “L’Isola non trovata”, Francesco Guccini. Che di Roberto Vecchioni è amico.

E rimanendo in campo poetico-cantautorale, sovviene il grande Fabrizio De Andrè quando in “Via del Campo” osserva che mentre “dal letame nascono i fior” “dai diamanti non nasce niente”. Più o meno come da certe esternazioni sparate senza pensare, da cui nascono solo polemiche babbigne e repliche ridicole.

Il sindaco fantasista Gian Karl Gar Garoz e l’amico Alfredo Foti

Alle critiche manifestate da vari settori per la nomina dell’assessore nipote dell’on. Gino, i suoi estimatori replicano che conosce bene la macchina amministrativa e sa ad esempio come sostituire una gomma bucata con la ruota di scorta

Leggi tutto: Il sindaco fantasista Gian Karl Gar Garoz e l’amico Alfredo Foti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Bar sotto il Mare

Un selfie con Escobar

CARMELO MAIORCA
Martedì, 22 Ottobre 2019 16:27

Sistema Amara, oltre la notizia

CARMELO MAIORCA
Domenica, 02 Giugno 2019 16:06

Cultura

SOLD OUT PER LA TOSCA, FRA TRADIZIONE E HI TECH

MICHELA ITALIA
Domenica, 28 Luglio 2019 15:15

Lignea è la personale di Antonio Sciacca

FRANCESCO MAGNANO
Sabato, 13 Luglio 2019 10:12

Dossier

Legge sull'acqua: in Commissione ok alla ripubblicizzazione

MARCO BERSANI
Giovedì, 21 Febbraio 2019 19:22

Sai 8 versò agli avv. Amara e Toscano quasi 3,3 milioni

MARINA DE MICHELE
Martedì, 22 Gennaio 2019 15:32

Processo Sai 8, col cerino in mano è rimasto solo l’AD Ferraglio

Marina De Michele
Domenica, 20 Gennaio 2019 08:26

Chi siamo

Continueremo a difendere l’ambiente, il multiculturalismo, il welfare, l’etica politica, a lottare contro ogni sfruttamento delle persone, delle città e dei territori, a sostenere la necessità di uno sviluppo economico coniugato con l’ecosostenibilità delle iniziative.

Privacy Policy Cookie Policy

Dove siamo


Viale Santa Panagia 136/H

Contattaci

Se ci vuoi supportare, chiamaci allo 3331469405 / 3337179937 o manda un'email a: redazione@lacivettapress.it / postmaster@pec.lacivettapress.it

Showcases

Background Image