Francesco Le Foche, immunologo: “I primi sette giorni di malattia sono fondamentali. Gravissimo che non si agisca, laddove possiamo ridurre il danno”

 

Ora basta! Quello che sta accadendo a Siracusa è inaccettabile. E se le scelte fatte dall’Asp locale sono in linea con le indicazioni nazionali, allora è il caso di un ripensamento generale.

Ma non è possibile assistere in silenzio a quello che accade: non solo all’aumento dei casi positivi, ma a un insorgere della febbre tra le mura di casa, all’attesa di certo angosciosa che si arrivi a quei picchi della temperatura che indicano la assoluta necessità di un ricovero. Di un ricovero semmai d’urgenza, come sta accadendo: il 118, gli operatori in tenuta spaziale.

A chi è stato in contatto, che ha lavorato fianco a fianco con i primi contagiati è stata imposta semplicemente la quarantena senza avviare alcuna analisi diagnostica, affidati alla sorte; una sorte che sembrerebbe intenzionata ad avere le sue vittime.

Eppure altre strade vengono indicate da alcuni, ma non possiamo permetterci il lusso che divenga l’opinione dominante. Siamo noi cittadini, se altri non lo fanno, a doverla far diventare l’unica opzione.

Il responsabile del Day Hospital di immunoinfettivologia al Policlinico Umberto I dell’Università La Sapienza di Roma, Francesco Le Foche, è chiaro: “I primi sette giorni di malattia sono fondamentali. Se facessimo tamponi rapidi a chi ha pochi sintomi e iniziassimo subito a curarli, molti pazienti non avrebbero bisogno dell’ospedale. La fase iniziale della patologia è importantissima e la stiamo sottovalutando: è gravissimo il fatto che non si agisca, laddove possiamo ridurre il danno … Le terapie intensive sono in sovraccarico perché abbiamo un ritardo nell’individuare i pazienti con sintomi e nell’iniziare a trattarli con antivirali che permettono di ridurre la replicazione del virus e evitare il peggioramento … Nelle prime 72 ore dopo i primi sintomi di Covid-19 avviene il danno virale nelle cellule del polmone profondo. Dopo c’è una risposta del sistema immunitario, che crea una infiammazione simile a quella che si rileva nelle polmoniti interstiziali autoimmuni e dovuta alla cascata citochinica, che si sovrappone al danno fatto dal virus. E, dopo circa sette giorni, si arriva a un bivio.L’80% dei casi migliora, l’altro 20% può andare incontro a un interessamento del polmone profondo che induce una polmonite interstiziale bilaterale. È nei primi giorni che sprechiamo tempo prezioso, nella prima settimana abbiamo un’artiglieria che non risponde. Per questi pazienti, oggi in Italia non si fa nulla, spesso non vengono individuati e quelli individuati vengono solo messi in isolamento domiciliare fiduciario”.

Abbiamo riportato qui l’articolo del Fatto Quotidiano perché le indicazioni sono di una chiarezza non facilmente raggiungibile con altre parole. Le possibilità di trattamento indicate dall’immunologo sono diverse, alcuni i farmaci in sperimentazione.

Quali indicazioni terapeutiche sono state date ai nostri concittadini in quarantena?

Abbiamo la disponibilità di questi farmaci? E non ci spingiamo a chiedere che per i pazienti sintomatici, come accade all’Umberto I di Roma, ci sia il ricovero “in reparti a bassa intensità di cura” come spiega Le Foche concludendo che “la maggior parte di loro dovrebbe essere trattata a domicilio dalla medicina del territorio e questo non viene fatto. Il rapporto costo-beneficio, sia dal punto di vista umano che economico, sarebbe enorme”.

Vogliamo solo fare un’ultima considerazione: noi cittadini abbiamo il diritto di sapere dagli uffici territoriali competenti per la sanità qual è il nostro piano d’emergenza, come è organizzato, quali e quante attrezzature abbiamo a disposizione, qual è il personale sanitario che potrà intervenire quando (e se) la situazione si farà gravissima.

Il paziente paucisintomatico (con pochi sintomi) invece, oltre al fatto che ne vanno rintracciati i contatti, “va trattato con idrossiclorodina, vecchio antimalarico orale, molto attivo sia come immunomodulante che nell’abbassare la capacità del virus di replicarsi, e tollerabilissimo”.

Fare tamponi prima di quanto fatto finora per evitare che pazienti curabili a casa arrivino in ospedale. “I primi sette giorni di malattia sono fondamentali. Se facessimo tamponi rapidi a chi ha pochi sintomi e iniziassimo subito a curarli, molti pazienti non avrebbero bisogno dell’ospedale. La fase iniziale della patologia è importantissima e la stiamo sottovalutando: è gravissimo il fatto che non si agisca, laddove possiamo ridurre il danno”. È l’opinione che esprime all’Ansa, Francesco Le Foche, responsabile del Day Hospital di immunoinfettivologia al Policlinico Umberto I Università La Sapienza di Roma che sottolinea: “Le terapie intensive sono in sovraccarico perché abbiamo un ritardo nell’individuare i pazienti con sintomi e nell’iniziare a trattarli con antivirali che permettono di ridurre la replicazione del virus e evitare il peggioramento”. “Nelle prime 72 ore dopo i primi sintomi di Covid-19 avviene il danno virale nelle cellule del polmone profondo. Dopo c’è una risposta del sistema immunitario, che crea una infiammazione simile a quella che si rileva nelle polmoniti interstiziali autoimmuni e dovuta alla cascata citochinica, che si sovrappone al danno fatto da virus. E, dopo circa sette giorni, si arriva a un bivio.

LEGGI ANCHE

Coronavirus, Rasi (Ema): “Vaccino difficile. Puntiamo su alle cure nell’immediato”

“L’80% dei casi migliora, l’altro 20% può andare incontro a un interessamento del polmone profondo che induce una polmonite interstiziale bilaterali”, spiega l’immunologo. È nei primi giorni che, secondo Le Foche, “sprechiamo tempo prezioso, nella prima settimana abbiamo una artiglieria che non risponde. Per questi pazienti, oggi in Italia non si fa nulla, spesso non vengono individuati e quelli individuati vengono solo messi in isolamento domiciliare fiduciario”. Il paziente paucisintomatico (con pochi sintomi) invece, oltre al fatto che ne vanno rintracciati i contatti, “va trattato con idrossiclorodina, vecchio antimalarico orale, molto attivo sia come immunomodulante che nell’abbassare la capacità del virus di replicarsi, e tollerabilissimo”.

LEGGI ANCHE

Coronavirus, estubati due malati dopo farmaco anti artrite. Lo studio Tocivid 19 in 281 ospedali e su 440 malati

Ci sono poi marcatori sierologici, come proteina C reattiva, ferritina, Ldh e emocromo, che “andrebbero utilizzati per individuare precocemente, con analisi del sangue da effettuare già nei primi quattro giorni, coloro che andranno incontro a una risposta immunologica molto forte, che porta alla terapia intensiva. A questi pazienti si può iniziare il trattamento con tocilizumab, farmaco per l’artrite, per il quale è partita una sperimentazione”. Così si fa all’Umberto primo, dove i pazienti sintomatici sono ricoverati in reparti a bassa intensità di cura. “Ma la maggior parte di loro – conclude – dovrebbero esser trattati a domicilio dalla medicina del territorio e questo non viene fatto. Il rapporto costo-beneficio, sia dal punto di vista umano che economico, sarebbe enorme”.