Il siciliano ha molto in comune con l’italiano, persino nei Promessi Sposi tanti modi sono conformi ai nostri

 

La Civetta 1 Giugno 2018

Nel 1998 Turi Rovella licenziava alle stampe per i tipi di Morrone la seconda edizione del suo "Come parlavano i siracusani cent'anni fa”, che aveva già presentato in anteprima per "I quaderni del Teatro di Sicilia", nel 1975.

Nella introduzione Rovella enunciava che "col trionfo del bembismo il dialetto fiorentino  diventava la lingua ufficiale dei letterati" a danno delle "lingue nazionali: la siciliana e la veneta". Ma il siracusano Mario D’Arezzo nel 1543 aveva sostenuto il primato della lingua siciliana. E  gli faceva eco il siracusano Sebastiano Macaluso Storaci nel 1875 col suo "Nuovo  vocabolario  siciliano-italiano e italiano-siciliano" spiegando che il siciliano ha molto in comune con l’italiano. Addirittura è il siracusano che si avvicina all'italiano, citando il concittadino Emanuele De Benedictis che "leggendo e rileggendo i Promessi Sposi, ne trasse un gran numero di modi  al tutto conformi ai nostri,  che Manzoni chiamava siracusanismi".

Peraltro, forti tracce si notano nella ''ortoepia”, cioè nella pronuncia della lingua italiana. Moltissime le parole in lingua che contengono la "o" chiusa (quindi con accento tonico  acuto)  perché le corrispettive siciliane contengono la "u". così come la “e” chiusa in lingua (cioè con l’accento tonico acuto) equivale alla “i” siciliana. Per tacere (e non c’è o non dovrebbe esserci  chi non sappia) del "Dolce stil novo" nato alla corte siciliana di re Federico.

Ma, ben oltre le similitudini, Rodila studia e trova le parole che i siracusani adoperavano cento   anni addietro. Li suddivide in "Vocaboli raramente usati oggi”, “Vocaboli di mestieri, oggetti, cose non più in uso", “Vivande”, "Proverbi", "Modi di dire, giochi, usi”, "Parole con diversi significati”, il tutto dalla A alla Zeta. Centinaia e centinaia di parole.

A volo d'uccello, ne diamo alcuni esempi. Crozza (teschio), balatàru (palato), nuci d’o coddu   (nuca), iritèddu (mignolo), disìu (voglia), rusciànu (rubicondo), nasca (naso camuso), picciòtta   sciacquàta (belloccia), uccazzàru (chiacchierone), smaccùsu (canzonatore), lagnùsu (infingardo), sfurcàtu (scansafatiche), marpiùni (furbone), sbannùtu (monello), naschiàri (annusare), ruppicàri  (inciampare), scórcia di coddu  (scappellotto), cazzicatùmmula (capitombolo), chiappèddi   (piastrelle), tuppèttu (trottola), cumèta (aquilone), nannu avu (bisnonno), matràscia (matrigna) tummàri (tracannare), schitìcchiu (lauto pranzo), vìppita (bibita), buffétta (tavolo), prisùttu (prosciutto), vastèdda (pagnotta), cuddurùni (focaccia), amaròsticu (amarognolo), cappuliàri (battere), ròsuli (geloni), manciaciùmi (prurito), tappini (pantofole), muccatùri (fazzoletto), bunàca (soprabito), scuzzèttu (berrettino), fareddra (sottana), muscalòru (ventaglio), cufinu (cesto), trìspitu (cavalietto), capìzzu (capo del letto), rinalèra (comodino), bruccètta (forchetta), cannata (boccale), quaràra (caldaia), sartània (padella), brunìa (barattolo), bùmnulu (piccola brocca), fumèri (letame), criarìa (albore), spaccari l’arba (albeggiare), riutùra (temporale), sbrinziàri (spruzzare), risìnu (rugiada), e tantissime espressioni ancora, per finire con furmatùra (serratura).

Un libro unico nel suo genere, frutto di certosine ricerche, che ci restituisce un mondo ormai   scomparso, sconvolto da quell’artifizio che chiamano progresso, un mondo laborioso la cui popolazione sapeva vivere col frutto di una diuturna fatica.