Il giornalista siracusano, ucciso trentanove anni fa, è stato ricordato dalla sezione locale di Assostampa con l'inaugurazione del giardino e la scopertura di una targa commemorativa nell'area del parco archeologico di Siracusa.

[Salvo La Delfa] La Civetta di Minerva, 26/01/2018

"Imparate a disubbidire alla violenza e alle prevaricazioni; imparate ad applaudire i vivi, chi compie una buona azione, chi fa il proprio dovere o dimostra di voler fare le cose per bene". Con queste parole rivolte agli studenti dell'Istituto Comprensivo Lombardo Radice presenti e a tutti gli studenti siracusani, Prospero Dente, presidente provinciale di Assostampa, ha voluto ricordare Mario Francese durante la cerimonia di inaugurazione del giardino a lui dedicato nell'area archeologica di Siracusa.

"Un giornalista con la schiena dritta, un uomo per bene" ha sottolineato Santo Gallo, segretario regionale dell'Ordine dei Giornalisti Sicilia. "Un collega che ha inteso il proprio mestiere come una missione".

Alla cerimonia sono intervenuti anche Alberto Cicero, presidente regionale Assostampa Sicilia, Francesco Di Parenti, presidente regionale del GUS, Francesco Nania, fiduciario Unci Siracusa, Francesco Italia, Vice sindaco di Siracusa e Filippo Romano, vice prefetto.

“Pensiamo che gli eroi facciano grandi cose", ha sottolineato Francesco Italia, "ma la società, per funzionare bene, ha soprattutto bisogno di gesti normali. Per essere eroi non occorrono superpoteri ma, come Mario Francese, bisogna compiere il proprio dovere ogni giorno".