…bisogna avere il finocchietto selvatico. Il nome deriva dalla presenza sia del tonno (in scatola) sia dei pinoli e dell’uva passa che ricordano “l’islamica“ pasta con le sarde palermitana

 

La Civetta di Minerva, 15 dicembre 2017

Oggi vi propongo una ricetta molto semplice alla quale si può far ricorso nei periodi di “stanca”… per intenderci quando non abbiamo a disposizione né funghi, né tartufi, né pesce pregiato. Gli ingredienti infatti sono molto semplici da trovare nella dispensa di casa. Unico obbligo: procurarsi del finocchietto selvatico, ingrediente fondamentale della ricetta di oggi, a cui ho dato il nome di Tonnara Islamica per la presenza sia del tonno (in scatola) sia dei pinoli e dell’uva passa che ricordano “l’islamica“ pasta con le sarde palermitana. Andiamo quindi a preparare per la gioia dei nostri amici che inviteremo con piacere a casa, la seguente gustosissima ricetta:

Tonnara islamica

Ingredienti per 4 persone: Tre scatolette di tonno piccole, un mazzetto di finocchietto selvatico (na iunta i manu), due pomodori verdi da insalata, circa 20 chicchi di uva passa ammorbidita con un po’ di vino bianco, circa 20 pinoli, due dita di vino bianco secco, sale, pepe nero, olio evo, pangrattato leggermente tostato.

Preparazione. Far bollire in un pentolino con acqua leggermente salata il mazzetto di finocchietto selvatico fino ad ammorbidirlo. Tritarlo finemente.

In padella adeguata preparare un soffritto con olio, aglio, trito di finocchietto; aggiungere il tonno in scatola. Sfumare leggermente con il vino bianco e aggiungere il pomodoro a pezzetti privato del loro liquido. Soffriggere per circa 2-3 minuti aggiungendo un po’ d’acqua di cottura amalgamando con cucchiaio di legno. Aggiungere l’uva passa e i pinoli. Spegnere dopo un altro minuto di cottura. Scolare gli spaghetti al dente, mettere in padella preriscaldata con un mestolo di acqua di cottura. Aggiungere una presa di pangrattato prima di impiattare. Sul piatto completare con un filino d’olio in crudo.

Buon appetito!