A partire dal 1812, quando l’Isola fu ripartita per la prima volta in 23 distretti amministrativi. Solo dal 1865 la scelta fu definitiva

 

La Civetta di Minerva, 3 novembre 2017

Il contrasto tra Siracusa e Noto per il capoluogo della provincia era iniziato al tempo del protettorato inglese in Sicilia di Lord Bentick, quando nel 1812 l’ancora semifeudale Isola fu ripartita per la prima volta in 23 distretti amministrativi: Noto e Siracusa, al pari di altre città, furono ambedue elevate a capoluogo di circondario.

Nel corso dell’Ottocento il balletto fra le due città si verificò più volte: nel 1817 e fino al 1837 fu capoluogo Siracusa, dal 1837 al 1848 Noto, dal 1848 al 1849 di nuovo Siracusa,  ancora Noto dal 1849 al 1865, dal 1865 ad oggi Siracusa. Gli altri capoluoghi di circondario erano: Palermo, Corleone, Termini, Cefalù, Messina, Castroreale, Patti, Mistretta, Catania, Caltagirone, Nicosia, Girgenti, Bivona, Sciacca, Modica, Trapani, Mazara, Alcamo, Caltanissetta, Piazza e Terranova.

Ne riferisce, con ampiezza di documentazione, Ottaviano Perricone nel suo pregevole libro Viva la Talia! per i tipi di Santocono Editore.