Manifestazione  dei cittadini contro le molestie olfattive del petrolchimico. Il gruppo social "Basta veleni dalla zona industriale " improvvisa un "flash mob" per invitare la Procura a proseguire

[Salvo La Delfa] Si è svolta sotto il sole cocente di questa mattina, la manifestazione contro le sostanze odorigene provenienti dal petrolchimico, organizzata dal gruppo spontaneo sorto su Facebook "Basta veleni dalla zona industriale". Il corteo di manifestanti, dopo aver percorso un breve tratto di strada, è giunto all'ingresso del Tribunale di Siracusa ed ha improvvisato un "flash mob" che è consistito in un lungo applauso diretto alla Procura di Siracusa  che in seguito ai tanti esposti che si sono succeduti in questi anni e' intervenuta richiedendo alcune prescrizioni alle industrie del petrolchimico. 

Nonostante i tempi brevi per l'organizzazione dell'evento e nonostante la calura e il periodo prefestivo, più di 100 persone, provenienti da tutta la provincia ma, principalmente dal quadrilatero Augusta, Siracusa, Priolo e Melilli si sono dati appuntamento per protestare contro le continue e preoccupanti esalazioni che provengono dal petrolchimico che ammorbano l'aria che respiriamo e che incidono sulla qualità della nostra vita e sulla nostra salute. Un gruppo di manifestanti, essenzialmente rappresentanti di associazioni, movimenti civici e partiti politici, che ha voluto dimostrare con la loro presenza quanto sia importante continuare le azioni intraprese con il loro impegno profuso in questi anni. I cittadini si organizzano ancora una volta, come è stato fatto anche nel passato, per richiedere il diritto alla salute e al bene comune, così come recita il comunicato stampa degli organizzatori: "Nell’ultimo periodo quelle che vengono definite “molestie olfattive” hanno ammorbato le calde sere siracusane e la gente non ci sta più a chiudere gli occhi e le finestre, in nome di uno sviluppo che risulta essere involutivo e che necessita di essere indirizzato e monitorato, dirigendolo verso il benessere collettivo".