“Sempre concretamente realistica anche nella proposta di aperture all'infinito”. Presentato il romanzo “Tommaso, educazione sentimentale di un giovane”,  ed. Armando Siciliano

 

La Civetta di Minerva, 10 dicembre 2016

Abbiamo incontrato per voi Angelo Fortuna, docente di lingua francese e preside, oltre che apprezzato poeta e scrittore, saggista e conferenziere.

L’occasione è presto detta: a Siracusa, giorno 5 dicembre scorso, presso l’associazione “Il Cerchio” di via Arsenale (un centro studi che si occupa di arti e scienze) è stato presentato il romanzo “Tommaso, educazione sentimentale di un giovane”, edito da Armando Siciliano Editore, relatore Corrado Di Pietro, lettori Santinella Fortuna e Vincenzo Lombardo.

Ecco la nostra conversazione con l’autore, avolese ma netino d’adozione – ricordiamo i suoi interessi per artisti, scrittori e poeti netini, fra cui la poetessa e patriota Mariannina Coffa, protagonista tra l’altro del suo saggio su “Anonimo 1905”, manoscritto sulla poetessa trascritto e commentato dallo stesso Angelo Fortuna e presentato per la prima volta in occasione dell’ultimo convegno di studi dedicato alla Coffa, e il suo ruolo di presidente della giuria del concorso letterario intitolato alla poetessa.

Ti sei cimentato in vari generi letterari come la poesia il racconto la novella, oltre che nella saggistica e nella produzione giornalistica. Come ti sei approcciato al romanzo?

Dopo aver praticato la narrativas (racconti e novelle) era fatale passare al romanzo, soprattutto perché il romanzo offre l'opportunità di una visione più completa della realtà umana; nel nostro caso, della realtà del profondo sud-est.

Dal titolo il tuo libro farebbe sospettare il classico Bildungsroman, il romanzo di formazione... è così?

Si tratta di un giovane uscito dagli orrori della guerra, di cui non si parla, e che approccia con speranza e formidabile sete di conoscenza la realtà. Tommaso è un cacciatore di bellezza e verità. E amore.

Parlaci dei tuoi prossimi progetti letterari.

Credo che ritornerò al racconto lungo o romanzo breve e alla novellistica, sempre concretamente realistica anche nella proposta di aperture all'infinito. Credo che l'uomo abbia il dovere di perseguire lo sconfinamento continuo di orizzonti. Ti comunico intanto di aver pubblicato un volumetto di poesie, "Bagliori di libertà".

Il tuo rapporto con la scuola è pluridecennale... cosa consiglieresti ad un giovane esordiente? E come incoraggiare i ragazzi alla lettura?

Ti posso dire quello che facevo quando insegnavo. Affidavo concretamente a molti alunni dei libri da leggere, di cui dovevano riferire in un giorno prestabilito. Generalmente si trattava di un sabato pomeriggio. Credo di avere ottenuto risultati confortanti. Oggi, a tale riguardo, prevale la nostalgia. Ma questo è un altro discorso.


Vi offriamo uno stralcio del romanzo: “
La pausa d’attesa, i giorni sospesi fra ansia e timori, finiscono presto fra un bagno a Lido e il successivo a Pantanello e arriva il giorno stabilito dall’affissione dei quadri di scrutinio. Ricordo ancora le ansiose domande che ci rivolgevamo, anche solo con gli occhi, o ansiosamente chiedendoci “L’appizzaru?(e in quell’appizzaru c’era quasi la sofferenza di un crucifige!) noi poveri scrutinandi, in attesa della sentenza che avrebbe determinato e condizionato la nostra lunga, calda estate avolese.

“Tornato in sé, avvertì una rapida accelerazione cardiaca che quasi lo soffocò. Si vestì in fretta e uscì di corsa. Arrivato in piazza Umberto I, incontrò vari compagni, alcuni dei quali, effervescenti, ostentavano sicurezza e menefreghismo: «Ragazzi, sia che siamo promossi o respinti, che cosa cambia? Qualunque sia il risultato, il nostro destino è sempre lo studio». E giù battute a ripetizione per allentare la tensione del momento, le quali però non facevano ridere alcuno. Non era dunque il solo a essere preoccupato! Questa constatazione gli procurò l'effetto di una boccata di ossigeno.

Alberto, mogio mogio, aggiunse: «Tanto, il mio destino lo conosco già: andare a lavorare in muratura con mio padre».

Arrivati in fondo al corso Garibaldi, si accorsero che il portone della scuola era spalancato. Antonio, che aveva già controllato i risultati, usciva in quel momento, visibilmente soddisfatto. Vedendo apparire i compagni, annunciò che erano stati presi in giro. Sì, perché in realtà i tabelloni degli scrutini erano affissi fin dalle tre. Allegro, gridò a tutti la sua gioia per essere stato rimandato solo in latino, aggiungendo: «Il professore di matematica mi ha risparmiato una collera!».

Fu immediatamente accerchiato e stretto in una morsa: «Ed io ... ed io ...».

Se la cavò assicurando che aveva fatto attenzione solo al suo risultato, ma sapeva che c'erano stati molti respinti: «Una decina», concluse.

La vista di Tommaso si annebbiò. Lentamente, tremante, in silenzio e con un nodo alla gola, raggiunse l'androne della scuola e, nella gran confusione, riuscì a farsi indicare da un compagno la parete su cui campeggiava il quadro contenente le sentenze finali che riguardavano la IV B, la sua classe. Avvicinatosi, si perse nella lettura di nomi e voti senza riuscire a individuare la sua posizione. Si spostò ora a destra ora a sinistra: una ragazza alta, capelli castani lunghi e mossi, gonna verde e camicetta candida, con í suoi movimenti repentini, appunto ora a destra ora a sinistra, gliene impediva la visione”.